Pubblicato il Lascia un commento

Come fare l’hashish fatto in casa in modo facile ed economico

metodi-per-produrre-hashish_CBDHash

Sicuramente hai mai sentito parlare o provato estrazioni di cannabis realizzate con il metodo tradizionale, comunemente noto come hashish, ma sai come fare il tuo hashish? In questo articolo lo spieghiamo passo dopo passo.

Nel seguente articolo, mostreremo nel modo più semplice, veloce e dettagliato possibile, come creare hashish facilmente senza fare un grande investimento .

Spesso l’hashish che puoi acquistare può contenere adulteranti, non avere la qualità che desideri, essere troppo costoso… O semplicemente, a volte, l’accesso ad esso è difficile o scomodo. Pertanto, ti consigliamo di eseguire le tue estrazioni per evitare problemi, goderti una buona qualità e risparmiare denaro.

Come preparare facilmente il tuo hashish

Esistono molti modi per estrarre i componenti più interessanti della cannabis (THC, CBG, terpeni…). Il metodo più antico, il più semplice, e quello che offre il maggior rendimento, è l’estrazione a secco , cioè con le cime già asciutte e senza utilizzare nessun tipo di solvente.

Di cosa ho bisogno per fare l’hash?

In questo post spiegheremo il metodo più semplice, veloce ed economico per estrarre l’hashish: l’estrazione a secco utilizzando un estrattore con un impollinatore .

L’hashish in modo tradizionale si ottiene attraverso un semplice procedimento: agitare il materiale vegetale in modo che i tricomi si stacchino e, attraverso un filtro o una rete, separarli.

Per creare il tuo hashish, puoi iniziare da gemme o scarti di manicure (foglie con resina e piccole gemme). Le cime ovviamente hanno un rendimento maggiore rispetto ai resti, ma non pensare che la qualità sarà molto inferiore, puoi ottenere ottime qualità con la tua manicure.

Non tutte le varietà funzionano allo stesso modo o offrono gli stessi risultati. Vedrai che con alcuni ottieni più prestazioni e con altri meno. La qualità dell’hashish può anche variare a seconda di come è stato coltivato . Ad esempio, la cannabis coltivata con fertilizzanti organici ha normalmente una qualità aromatica superiore a quella coltivata con fertilizzanti minerali.

Inoltre, fattori ambientali come la temperatura e l’umidità influenzano anche il colore, l’odore e l’aspetto dell’hashish , in breve, la sua qualità.

È l’ideale per congelare le cime essiccate o i resti di manicure che utilizzerai per le estrazioni, per preservare i cannabinoidi, i terpeni e la materia vegetale , nonché per aumentare la resa (perché i tricomi si staccano più facilmente a temperature più basse).

In sintesi, per creare il tuo hashish attraverso l’estrazione a secco avrai bisogno di:

  • Germogli o resti della manicure del tuo raccolto.
  • Estrattore
  • *Consigliato: usa il congelatore per conservare le tue cime. 

Come fare l’hashish con un estrattore a secco, passo dopo passo

In precedenza abbiamo già commentato quanto sia facile creare il proprio hashish, di seguito spieghiamo i passaggi da seguire:

1- Congelare le cime o gli avanzi per almeno 24 ore (si consiglia di farlo per 48 ore per assicurarsi che tutto si sia congelato perfettamente). Puoi congelare direttamente le cime all’interno dell’estrattore, poiché in questo modo perderai meno tempo durante l’estrazione.

Devi tenere presente che dovrai sfruttare al meglio il freddo fornito dal congelatore, quindi ti consigliamo di ottimizzare i tempi.

2- Agitare energicamente l’estrattore su e giù , con la rete in basso, in modo che la materia sfreghi l’una contro l’altra e rilasci i tricomi, che cadranno nella rete e si depositeranno nel vano inferiore dell’estrattore (dove tutto l’hashish resti).

Puoi agitare l’estrattore per tutto il tempo che desideri, ma devi tenere conto che:

– Più a lungo scuoti , più hashish otterrai, ma anche più materia vegetale verrà frantumata, potendo passare attraverso la rete e “sporcare” il tuo hashish.

– Meno tempo agiti , meno hashish otterrai, ma maggiore sarà  la qualità .

Dalla nostra esperienza, dopo 30 secondi i tricomi iniziano a cadere, essendo approssimativamente tra i 60 ei 90 secondi un momento molto buono in relazione alla qualità/quantità .

3- Aprire il vano inferiore dell’aspiratore e raccogliere i tricomi che vi si sono depositati .

A questo punto potete lasciare il vostro hashish secco  come esce dall’estrattore, compattarlo con le presse , pressarlo per fare la colofonia , filtrarlo nuovamente per eliminare le impurità… Ma con questi semplici passaggi potreste già ottenere un hashish pronto per l’ uso consumo.

Se la tua erba non aveva molto aroma, l’hashish che otterrai probabilmente avrà meno aroma del previsto. Per fare questo, puoi ancora una volta arricchire l’aroma delle tue estrazioni con terpeni botanici .

Vedi com’è facile creare il tuo hashish? Cosa ne pensi? Lascia il tuo commento per rispondere alle tue domande o per esprimere la tua opinione.

Ti potrebbe interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.