Pubblicato il Lascia un commento

Come si prepara il Kief Cbd

kief

Il processo per ottenere il kief è lo stesso da secoli. Le piante vengono essiccate e setacciate con setacci di vari materiali, dalla seta al nylon (esistono anche in acciaio inox). A seconda delle dimensioni del poro del setaccio, nonché se si utilizza uno o più di essi di dimensioni diverse, si otterrà un grado di qualità o un altro. Il setaccio viene legato ad un contenitore che raccoglierà la resina, e le piante vengono adagiate sopra, iniziando la vagliatura.

Dopo alcuni minuti di vagliatura delle piante (in Marocco, ad esempio, le ricoprono di plastica e le frustano), viene rimossa la materia vegetale, che verrà successivamente rilavorata per ottenere una seconda qualità, leggermente inferiore alla prima. Si toglie anche il setaccio e si raccoglie tutta la resina rimasta nel contenitore inferiore. Abbiamo già una buona manciata di kief!

Da qui questo kief può essere incartato (la sua natura lo farà impastare e incollare, ma senza scurirne il colore) e conservarlo così com’è, facendo stagionare il kief se si vuole, oppure può essere pressato per mezzo di una pressa e calore, ottenendo quello che viene spesso chiamato hashish . Vediamo quindi che kief e hashish sono composti esattamente dagli stessi tricomi di cannabis separati dalla pianta da setacci con qualche altro contaminante, come vedremo di seguito.

Se sei curioso di conoscere i dettagli di questo processo, non esitare a consultare il nostro articolo Come fare l’hashish secco fatto in casa , siamo sicuri che chiarirà molti dubbi.

Sulla qualità del Kief

Come abbiamo visto, il processo di preparazione del kief è relativamente semplice. Se ben fatto si ottiene un prodotto di grande purezza, anche se purtroppo e per logici interessi commerciali questo di solito non avviene a meno che non si ricorra ad autentici artigiani o, direttamente, a farlo da soli.

Gran parte del kief disponibile ha la presenza di contaminanti, solitamente piccole particelle di materiale vegetale che sono state frantumate durante il processo di vagliatura e sono passate attraverso il setaccio insieme alla resina. Ciò spiega il colore del kief, che talvolta è verdastro ; Maggiore è la presenza di materia vegetale che contiene, più verde apparirà. Al contrario, più è dorato e chiaro, meno contaminanti ci saranno. In questo modo il produttore dovrà prestare molta attenzione durante la vagliatura e lavorare con temperature molto basse per ottenere un vero kief di qualità , altrimenti sempre più materia vegetale contaminerà la sua resina.

Oltre alla materia vegetale, il kief può essere contaminato da polvere (se le piante o l’ambiente di lavoro sono sporchi, questo è molto probabile), polline di piante maschili o ermafrodite o piccoli insetti o loro feci in caso di parassiti negli impianti trasformati. . Se le condizioni di conservazione non sono corrette, possono anche svilupparsi funghi, sebbene ciò avvenga di solito in casi molto estremi.

Un altro test tipico che si fa solitamente è quello di portare una fiamma al kief per verificarne la reazione al calore e, quindi, determinarne il grado approssimativo di purezza. Se il kief bolle quando avvicini la fiamma dell’accendino, significa che contiene una grande quantità di cannabinoidi e terpeni . Se invece lo fa a malapena – o non lo fa – significa che c’è una grande presenza di inquinanti (nessuno dei suddetti inquinanti bolle con il calore) o che a causa di vari fattori una grande quantità di cannabinoidi e i terpeni sono stati persi.

Modi per consumare Kief

Il kief può essere consumato in molti modi diversi. Abbiamo già visto che in Marocco, uno dei maggiori produttori mondiali di Kief, di solito lo fumano in pipe lunghe e sottili, spesso mescolate a tabacco o qualche altra pianta. Può anche essere mescolato con tabacco o cannabis e arrotolato nelle sigarette, un’opzione particolarmente popolare nell’Europa meridionale. Premendolo leggermente con le dita può aiutare a consumarlo in alcune occasioni.

Ovviamente si possono utilizzare anche vaporizzatori per resine o per unghie , anche se in questi casi è consigliabile trattare con resine di primissima qualità, quasi senza impurità. Lo stesso funzionerebbe nel caso in cui volessi diluire il tuo kief in liquidi come Wax Liquidizer e creare così i tuoi liquidi psicoattivi .

Pertanto, Kief è uno dei più antichi concentrati (probabilmente il secondo tipo più antico di estrazione di cannabis dopo “charas”), con alcuni secoli di storia in alcune parti dell’Asia centrale e del Vicino Oriente. Ed è ancora il preferito di molti!

Ti potrebbe interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.