Pubblicato il Lascia un commento

Cos’è Kief o Skuff-cbd?

kief

Il Kief è una sostanza derivata dalla cannabis formata – per lo più, come vedremo – da tricomi ghiandolari. Si tratta quindi di un’estrazione di resina con una potenza (concentrazione di cannabinoidi ) molto superiore a quella delle gemme utilizzate per prepararla. Data la sua età e popolarità in aree molto diverse, riceve più nomi come kifi, kif, skuff, dry setaccio o, naturalmente, Kief.

Come spesso accade negli estratti ottenuti senza solventi, non è difficile trovare qualità diverse, che dipendono da fattori tanto diversi come la varietà di cannabis utilizzata o la dimensione in micron dei setacci con cui viene vagliato il materiale vegetale. Vediamo cos’è esattamente il kief e come si ottiene.

Kief o Skuff: resina filtrata con cannabis

A seconda delle fonti consultate, il termine “skuff” verrebbe a designare un kief o una resina di cannabis di scarsa qualità. Tuttavia, ci atterremo all’uso più generale, che li considera sinonimi. Il kief o skuff si ottiene dai fiori o dalle foglie delle piante femminili di cannabis ricche di tricomi ghiandolari, comunemente noti come resina e dove vengono prodotti e immagazzinati cannabinoidi e terpeni, così come il resto dei composti secreti dalla pianta.

Dopo aver vagliato la materia vegetale in diversi modi (come vedremo in seguito), si ottiene il kief , una polvere giallo-verde che contiene una grande quantità di tricomi . Questa polvere può essere lasciata sciolta o leggermente pressata a mano per evitare che si sbricioli (che si chiamerebbe kief o skuff) oppure può anche essere pressata a caldo e una pressa industriale, che comunemente si chiamerebbe hashish e ha una consistenza molto strutturata .più duro e compatto, oltre ad un colore molto più scuro dovuto al calore e all’alta pressione.

Come possiamo vedere, la principale differenza tra kief e hashish è il grado di pressatura , poiché sono composti esattamente dallo stesso (tricomi e alcuni altri contaminanti come piccole particelle di polvere o materia vegetale) e si ottengono allo stesso modo, vagliatura delle piante con setacci per separare la resina dal resto della pianta . Entrambi i tipi di concentrato possono presentare più o meno inquinanti e, quindi, essere di qualità superiore o inferiore. Non sorprenderti quindi, se a volte senti qualcuno chiamare “hashish” per la resina di scarto, o “kief” per quello che avresti chiamato hashish.

Il Marocco e il Kief

Sicuramente molti di voi hanno già messo in relazione la parola “kief” nel titolo con il Marocco non appena iniziano a leggere. Ed è che, in effetti, il Marocco è da decenni uno dei principali produttori mondiali di questo prodotto e uno dei produttori tradizionali considerati (sebbene, come abbiamo già visto nel nostro articolo sull’hashish marocchino , la sua cultura dell’hashish sia relativamente giovane rispetto a quello di altri paesi).

In questo paese lo consumano abitualmente con le loro lunghe pipe , dette sebsi , spesso mescolate con una pianta locale che usano come sostituto del tabacco. Naturalmente, a volte viene anche fumata mescolata al tabacco o ai germogli o alle foglie stesse della cannabis. Il suo utilizzo è diffuso su tutto il territorio nazionale, anche se logicamente è tanto più diffuso quanto più ci si avvicina alle zone di coltivazione e produzione, nella zona del Rif .

Infatti, come già sanno molti viaggiatori, è molto più facile ottenere un buon kief o hashish in Marocco rispetto a gemme di qualità, che solitamente sono dedicate quasi esclusivamente alla produzione del primo, molto più facili da esportare in quanto occupano molto meno volume. e emanano molto meno odore. Inoltre, è anche più redditizio, poiché la materia prima (gemme e foglie) viene lavorata per ottenere un concentrato di resina , con un potere maggiore. Più potente, più costoso.

Ti potrebbe interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.