Pubblicato il Lascia un commento

Effetti dell’hashish sul nostro organismo

Hashish

L’hashish proviene principalmente dai fiori della pianta di cannabis. Come nella marijuana, il suo principale componente attivo è il delta-9-tetraidrocannabinolo o THC, tuttavia, la sua concentrazione è maggiore rispetto alla marijuana, soprattutto quando si parla di alcuni prodotti derivati, come l’olio di hashish.

I suoi effetti psicotropi sono simili a quelli prodotti dalla marijuana, producono emozioni come euforia e soddisfazione, ma colpiscono anche la sfera cognitiva.

In questo articolo vedremo quali sono i principali effetti dell’hashish , in che misura è dannoso e cosa produce il suo consumo a breve e lungo termine.

L’hashish è dannoso?

Il prodotto estratto dalla pianta di cannabis è considerato un farmaco che può indurre un disturbo da abuso nel suo uso, pertanto anche i suoi derivati ​​ricevono questa categoria.

Sebbene negli ultimi anni si sia generato un potente movimento che è favorevole alla legalizzazione di queste sostanze, difendendone i benefici medici e psicologici, la verità è che la ricerca indica che si tratta di una sostanza chiaramente dannosa nella maggior parte dei contesti , il cui abuso può essere un vero pericolo alla vita ed essere gravemente dannoso per lo stato cognitivo.

All’interno del movimento citato, c’è chi crede che questa sostanza possa essere somministrata ai minori; Tuttavia, ricerche sull’argomento hanno dimostrato che somministrare hashish o altri derivati ​​della cannabis a bambini e adolescenti può danneggiare la sostanza bianca del cervello , compromettendo l’apprendimento e la memoria. Il consumo di hashish durante la gravidanza può causare problemi intellettuali nel bambino.

L’uso di hashish è stato collegato all’abuso di altre sostanze . Anche se questo non significa che sia la causa, ad esempio, dell’etilometro, la verità è che nei contesti sociali in cui vengono utilizzate sostanze derivate dalla cannabis, si trovano frequentemente altre droghe e l’ambiente ne favorisce il consumo.

L’abuso di hashish a lungo termine è stato collegato allo sviluppo di disturbi mentali, come la schizofrenia paranoide e i disturbi psicotici in generale.

Effetti dell’hashish

Successivamente daremo una rassegna dei principali effetti che l’hashish produce nel corpo , sia il suo consumo occasionale che abusivo.

L’obiettivo di questo articolo è informare, non demonizzare il consumo di questa sostanza in tutti i contesti e in qualsiasi quantità e frequenza. Per questo motivo vedremo sia gli effetti positivi che quelli negativi che produce l’hashish.

1. Effetti positivi a breve termine

Questi sono alcuni degli effetti di insorgenza a breve termine che possono essere considerati positivi in ​​alcuni contesti .

  • Rilassamento.
  • Emozioni vissute in modo più vivido.
  • Maggiore sensibilità nei sensi: si sente meglio, si vede più chiaramente…
  • Sentimenti positivi, come felicità e soddisfazione.
  • Percezione che il tempo passa più lentamente.
  • Passività.
  • Maggiore assertività e socialità.
  • Meno paura.

2. Effetti negativi a breve termine

Di seguito esaminiamo gli effetti dell’hashish che tendono ad essere negativi in ​​quasi tutti i contesti .

  • Distorsioni sensoriali.
  • Coordinamento peggiore.
  • Problemi gastrointestinali: nausea, vomito e dolori di stomaco.
  • Disturbo respiratorio.
  • Ansia, attacchi di panico e confusione.
  • Perso il controllo.
  • Depressione.
  • Estrema sonnolenza
  • Tachicardia.
  • Problemi cardiaci e pressione alta.
  • Maggiori possibilità di subire un incidente stradale, a causa della perdita di riflessi e coordinazione.

C’è da sottilenare che molti degli effetti negativi dell’Hashish sono da attribuire al THC. Acquistando Hash-CBD, che è un prodotto che contiene solo CBD, molti dei problemi relativi al THC non si presenteranno.

Puoi dare un’occhiata ai prodotti che contengono cbd direttamente su questo sito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.