Pubblicato il Lascia un commento

Hashish nella Francia di Napoleone (I)

hashish

In questa mini-serie voglio raccontare la storia dell’Hashish nella Francia di Napoleone. Il racconto lo suddividerò in più parti poichè scrivere tutto in un unico post sarebbe veramente pesante per voi che lo leggete.

Dove tutto ebbe inizio

Nella guerra della Francia napoleonica contro l’Inghilterra (1800), Napoleone (1767-1821) decise di occupare l’Egitto, che era sotto il potere del sultano di Turchia, per interrompere la rotta verso l’India inglese. La Gran Bretagna era inespugnabile grazie alla sua flotta, così decise di attaccarlo in Egitto, cosa che sembrava molto conveniente ai sicofanti di Parigi, poiché ciò significava allontanare l’ammirato generale dalla capitale. Così, Napoleone iniziò il suo viaggio nel mondo come conquistatore dell’Egitto.

I misteri delle terre egiziane

Quando è arrivato alle porte del Cairo non è arrivato da cristiano. Lui e il suo esercito erano fortemente imbevuti di un culto rivoluzionario modellato sugli ideali massonici; praticamente tutti i suoi generali erano massoni. Napoleone fu iniziato una notte trascorsa da solo all’interno della Grande Piramide di Cheope a Giza. Secondo alcune iscrizioni religiose trovate nelle cripte delle piramidi della V dinastia, le piramidi erano “macchine della resurrezione” per i faraoni che trascorsero tre giorni “morti”. Per raggiungere questo obiettivo, gli antichi sacerdoti svegliavano i “morti” nelle piramidi; provocarono un’ascesa all’aldilà “attraverso i cieli” e divennero dei. Napoleone non parlò mai ai suoi compagni di ciò che era accaduto quella notte sotto l’influenza della cannabis e della costellazione di Orione e Sirio. Al ritorno dall’Egitto era ossessionato dall’idea che le stelle lo proteggessero, tanto da far costruire la Place de la Estrela nell’asse centrale di Parigi sui Campi Elisi. Napoleone rimase così colpito dal suo viaggio in Egitto che ordinò che la stella Sirio e la dea egizia Iside fossero incluse a prua della nave nello scudo di Parigi. La città contiene molti riferimenti a Iside e all’Egitto, come un soffitto del palazzo del Louvre in cui si ricrea il genio di Parigi e il futuro, un futuro che Iside mostra. C’è un obelisco e una piramide ai suoi piedi e un angelo che annuncia l’apparizione. Il genio di Parigi appare su una colonna in Place de la Bastille dove una folla si è radunata sotto una statua di Iside per celebrare il primo anno della Rivoluzione francese. Parigi potrebbe essere correlata al nome della dea Iside.

Napoleone trascorse una notte nella grande piramide di Giza. Era la notte del 12 agosto 1799, il suo esercito vagava per le terre egiziane, siriane e palestinesi. Misteriosamente Napoleone aveva circa 30 anni. Trascorse anche una notte a Nazaret, la città di Gesù. Sia Gesù che Napoleone potrebbero aver appreso tecniche e rituali egizi che mostravano le vie della resurrezione e della vita. Forse gli stessi rituali che usava nella persona di Lazzaro. L’alba dal 12 al 13 agosto 1799, quando Napoleone era nelle terre d’Egitto e Palestina da quasi un anno. Decise di vivere un’esperienza singolare. Ha lasciato i suoi uomini a una distanza di sicurezza da dove si trovava. Entrò nei passaggi della grande piramide sull’altopiano di Giza. Decise di restare lì da solo e al buio per tutta la notte. Non spiegò ai suoi uomini quale fosse il motivo che lo portò a sottoporsi a questo tipo di prova. Ma la mattina dopo, Napoleone aveva la paura sul viso. Era pallido e scosso. I suoi generali gli si avvicinarono e gli chiesero cosa gli fosse successo. La risposta che diede fu che anche se lo avesse detto, nessuno gli avrebbe creduto. Voleva sottoporsi alla stessa prova di resistenza alla paura. La stessa prova di iniziazione superata da Giulio Cesare o da Alessandro Magno.

Primo editto contro l’hashish

Tra le truppe di Napoleone Bonaparte che invasero l’Egitto nel 1789 c’era un gruppo di studiosi e scienziati il ​​cui compito era quello di recuperare e studiare i resti archeologici. Ma fu per caso che un tenente di nome Bouchard scoprì la stele di Rosetta. Grazie a questa scoperta che conteneva iscrizioni in geroglifici egizi, struttura demotica e testi greci antichi, l’antico egizio poteva essere tradotto e la sua storia compresa. La pietra è attualmente al British Museum. C’era anche un altro gruppo di tre scienziati (Silvestre de Sacy, Rouyer e Desganettes) che vennero con le truppe francesi per studiare il paese e la sua gente. Hanno usato hashish e, incuriositi dalla loro esperienza, hanno inviato campioni in Francia in modo che i loro colleghi potessero condurre esperimenti estesi in laboratorio (Soler Insa, 1981: 188).

Alla fine i francesi furono sconfitti ed espulsi dall’Egitto nel 1801. La sua flotta annientata da Nelson ad Abuquir, Napoleone combatté nonostante tutto, tanto valorosamente quanto inutilmente, nel paese del Nilo e, quando la sua presenza non fu più ritenuta necessaria, si imbarcò per la Francia, dove le cose non andavano proprio bene. Ma durante l’occupazione, i soldati francesi trascorrevano il loro tempo libero consumando cannabis per calmare la nostalgia e la miseria; Come la maggior parte della popolazione umile, le psicosi si manifestarono di fronte a questo nuovo farmaco a causa del consumo eccessivo e dell’ignoranza della sua dose, quindi l’8 ottobre 1800 il generale Napoleone Bonaparte emanò la seguente ordinanza:

Articolo I. Il consumo della miscela fatta da alcuni musulmani con la canapa (hashish), così come il fumo del suo scarlatto, è proibito in tutto l’Egitto. I bevitori abituali e i fumatori di questa pianta perdono la testa e cadono preda di violenti deliri che li portano a indulgere in ogni tipo di eccesso.

Articolo II. La produzione della bevanda all’hashish è vietata in tutto l’Egitto. Le porte di tutti i caffè e gli ostelli dove viene servito saranno sbarrate e i loro proprietari rinchiusi in prigione per tre mesi.

Articolo III. Tutte le balle di hashish che arrivano alla dogana saranno confiscate e bruciate pubblicamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.