Pubblicato il Lascia un commento

L’Hashish nella Francia di Napoleone (II)

Hashish

Proseguiamo con il racconto della storia dell’hashish nel periodo del dominio di Napoleone. Trovi la prima parte cliccando qui.

Secondo alcuni autori che ho letto, il consumo di cannabis ha causato il fallimento dell’esercito francese in Egitto e che hanno riportato l’abitudine di consumare cannabis al loro ritorno (Mañoso/Cortés, 2000:90). La verità era che l’esercito britannico meglio preparato distrusse il contingente francese. Quando le ultime ridotte furono cedute, un francese su tre della spedizione originale era stato ucciso. Ma la popolarità dell’hashish in Francia iniziò a crescere. Non vi era alcuna restrizione alla sua importazione. CS Sonnini, un francese che attraversò l’Egitto nel 1800, narrò che:

«Il preparato a base di canapa più utilizzato si ottiene schiacciando i frutti insieme alle loro capsule membranose: il tutto viene cotto in forno aggiungendo miele, pepe e noce moscata. I poveri, che addolciscono la loro miseria con lo stupore prodotto dalla canapa, si accontentano di mangiare la pasta risultante dai semi schiacciati e incollata con l’acqua. C’è anche chi mangia le capsule così come sono, e chi, al contrario, le fuma miste al tabacco. Altri tolgono i semi, riducono solo le capsule e i piscilli a polvere fine, mescolando detta polvere con la stessa quantità di tabacco. Quindi fumano la miscela in una specie di pipa, che sembra una rozza imitazione di quelle persiane, e non è altro che un guscio di cocco scavato riempito d’acqua. Questo modo di fumare è uno dei passatempi più comuni nel sud dell’Egitto.

Il primo degli studi di laboratorio sulla cannabis fu pubblicato nel 1803 dal dottor Virey, che tentò invano di trovare il principio attivo di tale sostanza. Dopo aver studiato l’hashish, affermò che si trattava della nepenthe di Homer .

Antoine-Isaac Silvestre de Sacy (1758-1838) scrisse il suo Mémoire sur la dynastie des assassins et l’origine de leur nom (1809) e annunciò di aver scoperto il mistero dell’erba che Marco Polo definì l'”elisir degli assassini” della setta degli “hachichinos” che aveva terrorizzato i crociati nel medioevo. E che la parola assassino derivi da hashish, un termine che in arabo significa appunto “erba”. “The Old Man of the Mountain” ha dato hashish ai suoi scagnozzi prima di una battaglia; la droga li ha fatti andare in delirio per uccidere. Afferma che l’ebbrezza prodotta dall’hashish può portare a un momentaneo stato di follia tale che, perdendo ogni coscienza, compie azioni brutali per turbare la quiete pubblica. Afferma che l’hashish potrebbe essere stato utilizzato per creare uno stato di frenesia e violenza nel consumatore (Silvestre de Sacy, 1968: 235) (Abel, 1980: 148-149).

R. Gelpke (1966) ne scrive:

“Dichiarare che questi assassini, desiderosi di morte, fumavano hashish e che da lì sarebbe venuto il loro nome (opinione condivisa da De Sacy e con lui da molti altri orientali ed europei) rappresenta anche un tentativo di trovare una spiegazione, in una certa naturalezza modo, per un fenomeno misterioso ed estremamente inquietante. Ma la precisione e l’accuratezza con cui gli assassini hanno pianificato ed eseguito i loro attacchi smentiscono gli effetti attribuiti all’hashish. Tuttavia, si sostiene ancora attualmente che la marijuana porti all’omicidio o lo faciliti. Con questo, nella discussione occidentale è stata emessa la prima sentenza contro la marijuana; questo parere ha influenzato tutti gli altri, anche se la sua verifica non è mai stata oggetto di seria indagine”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.