Pubblicato il Lascia un commento

L’hashish più costoso del mondo sta per scomparire

hashish

È sorprendente che a questo punto del 21° secolo qualcuno creda ancora che sia una buona idea vietare la marijuana e dedicare così tanti sforzi e denaro per distruggerla e farla scomparire. Decenni di proibizionismo in tutto il mondo sono serviti solo a ritardare la nostra consapevolezza delle possibilità della marijuana, oltre a creare innumerevoli drammi inutili, criminalizzare innocenti e sprecare tempo prezioso per l’umanità, mettendo una tacca non trascurabile nella sua felicità generale.

Le autorità dell’India e del suo stato settentrionale Himachal Pradesh, hanno intrapreso una lunga “lotta” per sradicare la tradizionale coltivazione della marijuana a Malana, dalla cui resina  si ottiene Malana Cream,  un hashish di qualità suprema , che è la vera attrazione turistica della regione.

Sembra che, nonostante le iniziative del governo locale per implementare mezzi di sussistenza alternativi per gli agricoltori, la cui economia dipende dalla marijuana, e gli sforzi delle forze di sicurezza per sradicare i raccolti nella regione, le mafie dell’hashish continuino a prosperare.

È ancora peggio quando abbiamo appreso che in una regione così remota pochi erano quelli che avevano appreso che un giorno la marijuana, il loro modo di vivere tradizionale, era diventata illegale. Qualcuno può concepire la portata dell’ingiustizia che la stupidità del proibizionismo ha perpetrato in regioni la cui economia tradizionale dipende dalla marijuana? Oggi, certo, nell’Himachal Pradesh tutti sanno che lo stabilimento da cui sono vissuti i nonni dei nonni è perseguitato, e loro devono, senza vere alternative che funzionino, cercare di andare avanti, diventando improvvisamente narcotrafficanti e gangster, per assurdi capricci a cui, in definitiva, si riduce l’ombra del proibizionismo che incombeva sulla marijuana.

Perché l’hashish Malana è il più costoso al mondo?

L’hashish di Malana è considerato il miglior hashish al mondo, con una qualità addirittura superiore all’hashish prodotto a Ketama . Il suo prezzo attuale ammonta a quasi 800 euro al chilo se lo si compra direttamente in India, mentre nel mercato internazionale può arrivare fino a 30.000 euro, quindi non è solo il miglior hashish, ma anche il più costoso. Le fattorie clandestine sono costrette a produrre a livelli più alti e remoti per l’ingerenza delle autorità, che non riescono a distruggere più ettari di quanti i contadini riescono a dedicare alla coltivazione.

L’Institute for Narcotics Studies and Analysis (INSA) di Delhi stima che ci siano circa 350 famiglie dedite alla produzione di hashish, con una produzione di mezza tonnellata all’anno. Nei mesi di settembre e ottobre vengono assunti lavoratori stagionali per aiutare nell’estrazione della resina da cui  si producono salumeria  come  Malana Cream, Malana Gold e Malana Biscuits.  Sembra che queste famiglie sarebbero disposte a rinunciare alla coltivazione della marijuana se il governo garantisse loro che possono mantenere il loro stile di vita, uno stile di vita che un tempo forniva loro milioni di rupie, mentre oggi si guadagnano la vita di fronte a una legge che non li tiene in considerazione.

In ogni caso, sembra chiaro che per porre fine alla marijuana serva molto di più che proibirla e perseguitarla. Le proposte di sostituirlo con colture alternative come il melo o la canapa industriale non sembrano prendere piede, forse perché introducono uno stile di vita e una tradizione. Tutto indica che l’unico modo per porre fine alla marijuana  nell’Himachal Pradesh  è distruggere l’intera cultura che lo circonda. Lo vuoi davvero? Per ora, sembra che prima o poi “l’abbandono della campagna” arriverà nella regione, dal momento che i contadini hanno iniziato a educare i propri figli che possono cercare opportunità nella vita oltre la durezza dell’agricoltura nelle regioni estreme.

Da queste parti ci chiediamo cosa accadrebbe se invece di vietare la marijuana, la regolamentassero e la assoggettassero a tasse. Con questi prezzi di mercato alcune regioni tradizionalmente povere avrebbero un modo per iniziare a smettere di esserlo. O no?

Ti potrebbe interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.