Pubblicato il Lascia un commento

Moon rocks: guida alla produzione propria

moon rocks

Come indica il nome, ovvero moon rocks, l’estrazione finale è molto simile alle pietre lunari o vulcaniche, con innumerevoli piccole perforazioni. A causa del suo aspetto sorprendente, è diventato piuttosto famoso nei dispensari di tutti gli Stati Uniti.

In sintesi, potremmo dire che è molto simile al nido d’ape, di cui abbiamo parlato nel numero precedente, ma questa volta lavoreremo con macchinari semi-professionali per ottenere l’effetto desiderato. Quando si parla di macchinario semiprofessionale ci si riferisce ad un piccolo simulatore di forno di essiccazione sottovuoto, che, pur comportando un investimento da parte dell’autocoltivatore, è una forma “casalinga”, economicamente conveniente e molto efficace, che evita dobbiamo fare un grande investimento in un forno di essiccazione sottovuoto.

È importante ricordare che se intendiamo utilizzare l’estrazione come coadiuvante per qualsiasi trattamento, dovremmo effettuare un’analisi per assicurarci di aver completamente evaporato il gas. È anche interessante lavorare con varietà con livelli significativi di CBD (+5%) per ridurre al minimo gli “effetti collaterali” (come l’effetto psicoattivo, secchezza delle fauci, ecc.) del THC e per poterne aumentare i livelli di consumo in caso che era necessario.

Istruzioni

Materiali per estrarre il moon rocks

  • Gas raffinato privo di impurità e additivi
  • Tubo in acciaio inox da 30 a 50 cm
  • vassoio in borosilicato
  • vassoio profondo
  • flangia metallica
  • carbone attivo
  • Lame di rasoio, raschietto o simili
  • filtri per la cenere
  • Gemme o resti della manicure
  • Pinzette da laboratorio
  • Piedino o supporto da laboratorio
  • Punch o stiletto
  • teflon
  • abbigliamento di sicurezza
  • Termometro
  • indumenti protettivi
  • Pompa a vuoto
  • Cappa di asciugatura + tubi
  • Tappetino in silicone o carta da forno

Processi per estrarre il moon rocks

  1. Effettuare l’estrazione del BHO seguendo i passaggi appresi nel capitolo precedente:
    – Posizionare un filtro cenere fissato con una flangia metallica sul fondo del tubo e riempirlo con le gemme o resti di manicure.
    – Nella parte superiore, posizionare un altro filtro cenere a forma di ciotola e riempito di carbone attivo.
    – Fissare con un po’ di teflon e chiudere bene.
    – Montare il supporto e fissare il tubo con le fascette. Posizionare un vassoio di borosilicato sotto per raccogliere il gas.
    – Svuotare il gas attraverso il tubo.
  2. Una volta evaporato praticamente tutto il gas nella teglia in borosilicato, trasferiremo l’estrazione su un tappetino di silicone o carta da forno.
  3. Posizionare il tappetino in silicone con la nostra estrazione all’interno della cappa di asciugatura, che avremo precedentemente introdotto in una teglia profonda con acqua calda a bagnomaria ma a temperatura media (circa 60 ºC).
  4. All’accensione della pompa del vuoto vedremo come il campione si gonfia come un palloncino, e poco prima che “esploda” lo spegneremo in modo che riprenda la sua forma originale. Ripeteremo questo processo fino a quando l’estrazione non farà evaporare più gas e la consistenza finale sarà quella desiderata.
  5. Una volta raffreddato, lo faremo riposare in un luogo ventilato per un minimo di 12 ore.

Consigli sulla sicurezza

  • Non lavorare mai con una cucina a fiamma aperta (gas). Sempre con un fornello elettrico o facendo un bagnomaria, in un luogo ventilato.
  • Tenere lontano da fonti che potrebbero generare scintille o fiamme libere e non fumare durante l’intero processo.
  • Lavorare sempre all’aperto o in ambienti con un’ottima ventilazione, a meno che non disponiamo di un laboratorio preparato per questo.
  • Indossa indumenti protettivi. Mai fibre sintetiche, né guanti in lattice, nitrile, ecc.

il tocco magico

  • È molto importante non svuotare completamente la bombola del gas per evitare che eventuali lubrificanti o prodotti simili penetrino nel nostro BHO.
  • Come riferimento, tieni presente che circa 3 bombolette di gas sono sufficienti per 100 g di cime o avanzi di manicure.
  • È preferibile lavorare con gemme o resti di manicure non molto vecchi per massimizzare la qualità del prodotto finale.
  • L’uso del carbone attivo è facoltativo, ma aiuterà a pulire tutte le impurità che potrebbero essere nel gas.
  • Quando lasciamo riposare la roccia lunare in uno spazio ventilato, dobbiamo assicurarci che non ci siano fonti di odore, polvere o particelle nelle vicinanze che potrebbero interferire con la qualità della nostra estrazione.
  • Se vediamo che il buco lasciato dalle bolle non mantiene la sua forma, il campione è troppo caldo e se le bolle non scoppiano, è troppo freddo. Il gioco caldo/freddo insieme alla sottovalutata pazienza ci daranno il risultato ottimale.
  • È importante conservare il prodotto finale in frigorifero, al riparo dalla luce, dall’umidità e dai forti odori.
  • Riempiremo d’acqua il vassoio dove avremo la cappa di asciugatura con acqua calda poiché scende sotto i 40 ºC. L’introduzione di acqua a circa 60ºC impedirà al campione di riscaldarsi al di sopra dei 45ºC, e quindi manterremo intatti i terpeni e il loro sapore originale.

Ti potrebbe interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.