Pubblicato il Lascia un commento

Tutto sull’ Hashish

L’hashish è un concentrato di cannabis che di solito viene inalato o fumato . Può essere realizzato utilizzando diversi metodi, ma i passaggi essenziali sono estrarre le ghiandole tricomiche da una pianta di cannabis e comprimerle ripetutamente per formare un pezzo solido e indurito .

È probabilmente uno dei più antichi tipi di concentrati di cannabis , poiché i testi scritti che fanno riferimento all’hashish risalgono al XII e XIII secolo. L’aspetto e la sensazione variabili dell’hashish sono strettamente legati alla sua storia e al metodo utilizzato per produrlo.

Originario del Medio Oriente e dell’Asia centrale, l’hashish setacciato è ottenuto dalla polvere di resina che è stata raccolta dalla cannabis raccolta e conciata. I metodi moderni utilizzano tessuti a maglia fine o seta per setacciare e separare fisicamente i tricomi dal materiale vegetale. La rete o i tessuti utilizzati per la setacciatura hanno pori di dimensioni diverse per aiutare a raffinare e purificare i tricomi. La polvere risultante, o kief , viene pressata e trasformata in barre, lastre o mattoni di hashish, che possono essere di aspetto piatto, duro o talvolta gessoso.

Cosa differenzia l’hashish dagli altri concentrati di cannabis?

L’hashish è il concentrato originale. Oltre ad essere il concentrato di cannabis più antico del mondo, è composto dalle ghiandole tricomiche, che ospitano molti dei composti benefici disponibili nella pianta di cannabis. Queste molecole attive – i cannabinoidi, i terpeni e i flavonoidi nella cannabis – lavorano in sinergia e hanno dimostrato di avere effetti medici positivi. È stato anche dimostrato che i terpeni potenziano gli effetti di THC, CBD e altri cannabinoidi.

In uno studio del 2011 pubblicato dal British Journal of Pharmacology , il dottor Ethan B. Russo ha scritto dell’effetto entourage di cannabinoidi e terpeni. I terpeni possono migliorare e amplificare l’esperienza della cannabis e studi di laboratorio hanno dimostrato che i flavonoidi hanno proprietà antinfiammatorie e antiossidanti.

Un’altra qualità eccezionale dell’hashish è che è un concentrato a bassa tecnologia : la sua produzione non richiede apparecchiature di laboratorio o solventi.

L’hashish può avere una lunga durata . Se conservata correttamente, la polvere di resina essiccata che viene raccolta e utilizzata per fare l’hashish setacciato può durare per anni . Il tasso di degradazione aumenta una volta che il kief è stato pressato in una lastra o una barra. La struttura della ghiandola tricomica agisce come una barriera naturale contro ossigeno, umidità e altri fattori che possono degradare potenza e sapore.

Come si usa l’hashish?

Il modo più comune per consumare l’hashish è fumarlo, da solo o abbinato ai fiori . Potresti imbatterti in riferimenti al mangiarlo, ma gli edibili offrono opzioni molto più gustose e sono più facili da dosare rispetto al consumo di hashish stesso.

L’hashish produce un fumo più denso del solo fiore. Inoltre, l’hash prodotto con resine più fresche è più tossente dell’hash prodotto con resine invecchiate. Le resine più vecchie hanno avuto più tempo per asciugarsi, permettendo al contenuto di umidità e ai terpeni di evaporare dalle ghiandole tricomiche.

in un giunto

L’hashish può essere incorporato in una canna e affumicato . (Se è la prima volta che lo provi, potrebbe essere più facile se eviti di usare un setter.) Prima di aggiungere l’hashish, metti uno strato di fiori macinati sulla carta. L’hashish più secco e gessoso può essere schiacciato o tagliato e poi spruzzato sul fiore prima di essere arrotolato.

L’hashish di qualità superiore e più appiccicoso diventa morbido e malleabile quando riscaldato. Puoi scaldarlo facendolo rotolare delicatamente tra i palmi delle mani. Forma uno streamer fine e posizionalo sopra il fiore. Arrotolare lentamente la giuntura e fissare i bordi. L’hashish arrotolato dovrebbe ora essere fissato al centro della canna e circondato da uno strato di cime macinate.

fumando la pipa

Uno dei modi più semplici per usare l’hashish è con i fiori in un bong, acqua o pipa di vetro , aumentando l’intensità e gli effetti.

Ma puoi anche fumare hashish da solo. Quando si fuma hashish da solo in una pipa, utilizzare una rete a rete per evitare che il pezzo di hashish fumante entri nella pipa e venga inalato accidentalmente. Le maglie possono essere in acciaio inox o titanio, oppure in cristallo a forma di fiore o stella. Metti la rete nell’apertura della ciotola della pipa e metti sopra un pezzo di hashish. Riscalda l’hashish con un accendino o uno stoppino di canapa finché non vedi uscire un flusso costante di fumo. Togliere dal fuoco e inalare attraverso il boccaglio.

coltello caldo

L’hashish può anche essere affumicato puro. L’hot knifing si riferisce a un metodo per fumare hashish in cui due coltelli di metallo, solitamente coltelli da burro, vengono riscaldati su una superficie calda , come le bobine di un fornello elettrico.

I coltelli vengono posizionati sulla superficie fino a quando non sono molto caldi o si illuminano di rosso. Un pezzo di hashish viene posizionato sulla parte calda della lama piatta del coltello. Il secondo coltello viene posizionato sopra l’hash, il che aiuta a stabilizzarlo e ad aumentare la velocità di combustione, producendo più fumo. Quando l’hash inizia a fumare, il fumatore si mette in bocca l’estremità piccola di uno strumento a forma di imbuto (come una bottiglia da 2 litri tagliata a metà) e posiziona l’estremità larga sopra i coltelli per catturare tanto hashish quanto possibile fumare possibile durante l’inalazione.

tamponando

Il dabbing è un metodo popolare di utilizzo di concentrati ed estratti e l’hashish non fa eccezione. Il dabbing utilizza un particolare tipo di tubo dell’acqua chiamato dab rig (noto anche come piattaforma petrolifera o semplicemente rig ). Una ciotola a fondo piatto, chiamata “chiodo”, viene riscaldata con una torcia a gas a una temperatura compresa tra 176°C e 204°C, o 350°F e 400°F. Usando un dab maker , un pezzo di hashish viene lasciato cadere sullo spicchio caldo. Quando vedi dei fili di fumo che escono, posiziona un coperchio sopra il dab, comunemente chiamato “tappo del carburante”, per aiutare a catturare i vapori e inalare attraverso il boccaglio del dispositivo di dab.

Domande frequenti

Puoi mangiare hashish crudo?

Molti intenditori di cannabis che hanno mangiato hashish crudo riferiscono di aver sperimentato uno sballo intenso e psicotropo che dura per ore . La leggenda dello sceicco Haidar sembra supportare questi rapporti, descrivendo un’esperienza che l’autore Michael Aldrich suggerisce sia stata probabilmente causata dal consumo di hashish o resina piuttosto che di materiale vegetale. Per un’esperienza meno intensa e più gestibile, si consiglia di fumarla piuttosto che ingerirla.

Di cosa è fatto l’hashish?

L’hashish è costituito principalmente da resina compressa, estratta da un insieme di ghiandole resinose o tricomi della pianta di cannabis.

Qual è la differenza tra bubble hash e hash?

Sia il tradizionale che il bubble hash sono concentrazioni delle ghiandole resinose della pianta. La differenza tra i due sta nel modo in cui sono realizzati, oltre che nella loro tipica consistenza. L’hashish si ottiene premendo le ghiandole di resina in una lastra o un mattone, mentre il bubble hash si ottiene separando le ghiandole di resina dalla pianta usando acqua ghiacciata e setacciandole attraverso una serie di maglie.

Ti potrebbe interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.