Pubblicato il Lascia un commento

Varietà di cannabis più appropriate per la produzione di charas

charas

Molte persone credono che la Charas sia composta da piante sativa, ma in realtà è composta da piante indica, che sono invece le più adatte a questo scopo. In generale, la regione himalayana è costituita da valli profonde e fredde che hanno poche ore di luce durante le estati. Anche questi non sono molto lunghi, quindi una pianta con un periodo di fioritura eccessivamente lungo semplicemente non fiorirebbe.

La marijuana autoctona di questa zona ha una genetica indica, non invano, questo non è un problema per i coltivatori perché, anche se sono mischiate, lo faranno tra varietà che hanno poca variabilità tra loro. Se coltivassero varietà sativa, nel giro di poche generazioni questo tipo di coltivazione diventerebbe impraticabile.

Attraverso queste argomentazioni possiamo verificare che le genetiche più adatte per elaborare la Charas sono quelle indica, più specificamente le genetiche “Hindu Kush”. In passato i produttori che si sfregavano costantemente le mani per far sì che i Charas stampassero una forma particolare e caratteristica sui grammi che raccoglievano. In questo modo è stato possibile conoscere l’origine del materiale e, naturalmente, c’erano dei Charas più ambiti di altri. Anche se questa zona, come il Marocco, non è esente dal traffico di droga. Il consumo e l’elaborazione di Charas mantengono una trascendenza divina, legata alla storia di Shiva.

Charas marocchino

L’hashish marocchino ha una curiosa storia di rivendicare l’identità dietro di sé. La pianta di marijuana è presente nella cultura berbera e del nord del Marocco da molte centinaia di anni e persino da alcuni millenni. Da sempre coltivato e raccolto dai Rif. La popolazione del Rif del Marocco ha sempre usato la propria cultura contro lo Stato centrale, estraneo al resto del Marocco. Ci sono state molte lotte per l’indipendenza che gli occhi della storia marocchina hanno visto.

Uno dei governanti marocchini ha offerto un accordo al popolo Rif. Se rinunciassero al loro potere, centralizzandolo nello Stato, sarebbero ricompensati con il diritto di continuare a sviluppare le basi della loro cultura cannabica. E, ancora oggi, gli abitanti del Rif possono raccogliere legalmente la pianta di cannabis. Una grande percentuale dell’economia del Rif si basa sulla produzione e successiva commercializzazione della pianta di cannabis. Nel Rif vengono raccolte 3 o 4 varietà di marijuana.

 Alcuni li conoscono come Marrocana , Hardala o   Jardula e Pakistana.Hanno tutte caratteristiche fisiche e proprietà organolettiche differenti. Naturalmente, diversi ceppi di marijuana produrranno diversi ceppi di hashish. In Marocco di solito si producono due o tre tipi di hashish.Ora, la variabilità sarà enorme perché ci sono centinaia di migliaia di produttori e trasformatori. I Rif, per fare il loro hashish, devono aspettare il raccolto. Una volta terminato questo processo, le piante sono pronte per l’essiccazione. In molte occasioni, il modo più comune per essiccare le piante è metterle sui tetti delle case, al sole di settembre. Questa è una pratica pazzesca per la maggior parte degli appassionati di coltivazione domestica. I diversi oli che ha la cannabis si perdono a una velocità maggiore che se fossero al buio e con una temperatura costante.

 Con i primi freddi autunnali, la resina dalle ghiandole si stacca molto più facilmente ed è ora possibile procedere allo scuotimento delle piante. In generale, dopo ottobre, iniziano il varedo e l’elaborazione dell’hashish.

È molto comune che, durante questo processo di vareado, le impurità si insinuano. Nella mia esperienza, devo ammettere che non ho mai visto coltivatori marocchini particolarmente delicati con il loro raccolto o prestare troppa attenzione al prodotto finale. La stragrande maggioranza degli agricoltori utilizza l’intero raccolto per produrre hashish. È molto probabile che mantengano una percentuale dell’hashish prodotto, per l’ambiente familiare. Questo è hashish di prima qualità e genuino.

Come abbiamo detto prima, gli agricoltori sfruttano tutto ciò che possono dai loro raccolti, questo è qualcosa di abbastanza normale. Tuttavia, se hai intenzione di produrre hashish, ti consigliamo di eseguire il processo con le parti superiori della pianta. Le parti inferiori, oltre a non fornire molto “polline”, sono molto spesso afflitte dalla polvere del terreno che si deposita sui fiori dei rami inferiori. Se decidi di fare il tuo hashish in questo modo, avrai un “doppio zero” di ottima qualità.

Tra le principali varietà vegetali utilizzate per produrre hashish in Marocco, consigliamo la genetica pakistana. Piante indica molto resinose. Principalmente, l’hashish di qualità, prodotto con questo tipo di pianta, avrà un forte effetto. Delle tre, questa è la varietà che ci permette di ottenere la maggior produzione di hashish , vicina ai 2 chilogrammi per 100 chili di piante. Tuttavia, in molte occasioni, l’hashish che fumiamo è una combinazione di 2 e anche 3 varietà.

A parte il pakistano scuro, in Marocco puoi ottenere un hashish biondo o marrone-verdastro. Questo hash è tipico delle varietà 100% sativa, già autoctone della zona del Rif: Ketama e Chefchaouen, principalmente. Questo tipo di marijuana è molto ambientato nell’ecosistema del Rif.

Ti potrebbe interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.